Seleziona una pagina

Generi alimentari e giocattoli restano in cima alla lista dei regali. In aumento la ricerca del regalo “tecnologico”. Queste le previsioni per il Natale 2014 di Confcommercio, in collaborazione con Format Research, che ha fatto un’indagine sugli acquisti e le intenzioni di spesa degli italiani per le prossime feste. Generi alimentari (73,3 per cento) e giocattoli (51,6 per cento) restano gli articoli più acquistati; in crescita gli smartphone (più 3,5 per cento), tablet (più 1,4 per cento), prodotti tecnologici in genere (più 1,8 per cento) ma riscuotono buoni consensi anche il vino (più 1,5 per cento) ed elettrodomestici (più 1,2 per cento). In calo, invece, i prodotti per la cura della persona (meno 2,7 per cento) e le calzature (meno 2,1 per cento).

Tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro (più 1,7 per cento rispetto al 2013). Solo il 4,9 per cento ha intenzione di spendere oltre 300 euro. Coloro che, più degli altri, hanno deciso di tagliare il preventivo, sono in prevalenza i giovani (fino a 24 anni), la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni e le famiglie, specie residenti nel Mezzogiorno e nelle grandi aree metropolitane. La spesa media per i regali si attesterà a 171 euro, in linea con lo scorso anno ma in calo di oltre il 40 per cento rispetto al 2009 (era di 289 euro circa). In aumento gli acquisti online (più 7,9 per cento sul 2013).