Seleziona una pagina

L’agricoltura più verde in Europa? E’ in Italia

Mag 26, 2015 | Imprese, Tendenze

L’agricoltura italiana è la più green d’Europa con il maggior numero di certificazioni alimentari a livello comunitario per prodotti a denominazione di origine Dop/Igp che salvaguardano tradizione e biodiversità. E’ quanto è emerso in un incontro organizzato ad Expo da Coldiretti e Univerde, dov’è emerso come l’Italia sia l’unico Paese che può vantare 271 prodotti a denominazione di origine superiori a quelle registrate dalla Francia, su ben 43.852 imprese biologiche pari al 17 per cento di quelle europee, davanti alla Spagna ma è anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,2 per cento), quota inferiore di quasi 10 volte rispetto alla media europea (1,9 per cento) e di oltre 30 volte quella dei prodotti extracomunitari (6,3 per cento).
L’agricoltura italiana è tra le più sostenibili. Con 814 tonnellate per ogni milione di euro prodotto dal settore, non solo emette il 35 per cento di gas serra in meno della media Unione Europea ma fa meglio di Spagna (il 12 per cento in meno), Francia (35 per cento), Germania (39 per cento) e Regno Unito (il 58 per cento di gas serra in meno). L’Italia è al vertice della sicurezza alimentare mondiale. Siamo il paese con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici (0,2 per cento, un terzo in meno rispetto all’anno prima), quota inferiore di quasi 10 volte rispetto alla media europea (1,9 per cento, aumentati di circa un terzo rispetto all’anno prima) e di oltre 30 volte quella dei prodotti extracomunitari (6,3 per cento).
Inoltre il nostro Paese è il primo in Europa per numero di agricoltori biologici. Con 43.852 imprese biologiche (il 17 per cento di quelli europei) siamo i primi del settore, seguiti dalla Spagna (30.462 imprese, 12 per cento dell’Ue) e Polonia (25.944, 10 per cento di quello europeo). E poi il più forte al mondo per prodotti “distintivi” con 271 prodotti Dop e Igp e 4813 specialità tradizionali regionali che salvaguardano la biodiversità e difendono la tradizione. Infine dispone della più ampia rete di fattorie e mercati degli agricoltori in vendita diretta a chilometri zero che abbatte l’inquinamento.

Potrebbe interessarti anche…